ESTATE ROMANA
ESTATE ROMANA
I giardini di Adone
GRATUITO

I giardini di Adone

Laboratorio di disegno a cura di Emanuela Chiavoni incentrato sulla metamorfosi del quartiere Quarticciolo

Nell'ambito di Teatri in Comune 2021-2022


Informazioni

I giardini di Adone al Quarticciolo è un progetto di Terza Missione curato dal Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura – Sapienza Università di Roma in collaborazione con il Teatro Biblioteca del Quarticciolo. Si tratta di un’iniziativa che intende condividere con il territorio il divenire del paesaggio urbano della storica borgata romana, focalizzando l’attenzione sulla costruzione e la percezione delle aree verdi. Le diverse attività proposte mirano a restituire il processo evolutivo del quartiere attraverso gli strumenti della ricerca storica e le testimonianze degli abitanti, arrivando così a delineare un percorso conoscitivo che  rappresenta anche il primo atto del progetto di rigenerazione, volto a riscoprire possibilità di uso diverso del territorio e di condivisione degli spazi.  

DISEGNARE PER CONOSCERE
a cura di Emanuela Chiavoni
con la collaborazione di Alekos Diacodimitri, Federico Rebecchini

Sezione rivolta a cittadini  e cittadine di tutte le età, max 15 partecipanti
Incontri: 2
Durata: 4 ore

Programma
Il disegno è un linguaggio universale con il quale è possibile rappresentare l’ambiente naturale e le realizzazioni umane. Il disegno dal vero spinge a fermarsi per guardare attentamente anche i più piccoli particolari delle cose che ci circondano; è un’operazione mentale e fisica che stimola e sviluppa i processi cerebrali primari che sono alla base di ogni attività. Il disegno è uno strumento operativo e, contemporaneamente, un mezzo critico per imparare a osservare, con uno sguardo diverso, la bellezza della città e del patrimonio architettonico e urbano. La conoscenza è il primo passo per poter conservare e valorizzare le testimonianze del passato. L’obiettivo è anche quello di recuperare l’originalità soggettiva che è la caratteristica principale dell’osservazione dal vero attraverso il valore storico del disegno manuale. Vengono proposti esercizi di disegno dal vero, a mano libera, tra cui; appunti grafici visivi, disegni sensibili, rappresentazioni emozionali monocromatiche e a colori degli spazi, del verde e delle architetture del quartiere. Sono utilizzate le tecniche tradizionali quali le matite, le penne, i pennarelli e gli acquarelli.

Il programma potrebbe subire variazioni

...Leggi tuttoLeggi meno...