Estate Romana
Estate Romana
Il suono della bellezza
GRATUITOONLINE

Il suono della bellezza

Il Teatro dell’Opera di Roma e la Galleria Borghese celebrano il dialogo tra arte e musica con un evento speciale trasmesso in prima tv su Rai 1

20.06.2021 ORE 20:30

Informazioni

Il maestro Daniele Gatti, direttore musicale dell’Opera di Roma, dirige l’Orchestra del Lirico romano in un viaggio musicale che parte dal barocco di Händel e Vivaldi, passando da Paisiello e Mozart, fino ad arrivare al neoclassicismo di Stravinskij.
Ripreso da Rai Cultura, l’evento prevede la partecipazione straordinaria dell’étoile Eleonora Abbagnato e del soprano Rosa Feola.
La relazione che lega la Galleria Borghese alla musica ha radici profonde che risalgono al suo fondatore, il cardinale Scipione Borghese. Committente della Palazzina Pinciana e della sua eccezionale collezione di opere d’arte, il cardinale fu anche protagonista della scena musicale del suo tempo, come brillante mecenate e compositore. Il ritorno della grande musica in questo luogo simbolo di bellezza rinnova il significato profondo di sintesi delle arti che la Galleria Borghese incarna.
Dopo lo straordinario successo dei concerti alla Nuvola e al MAXXI, con Il suono della bellezza l’Opera di Roma rafforza così il proprio progetto Roma Opera aperta: un teatro che mantiene sempre vivo il dialogo con la città e le proprie radici culturali, conquistando spazi e palcoscenici inediti.
Il programma si apre con l’Ouverture de Il trionfo del Tempo e del Disinganno di Georg Friedrich Händel seguita da l’Ouverture de La clemenza di Tito di Wolfgang Amadeus MozartRosa Feolainterpreterà alcune delle più belle pagine musicali: Casta diva dalla Norma di Vincenzo Bellini, l’aria di Ilia Padre, germani, addio! dall’Idomeneo di MozartLascia la spina, cogli la rosa da Il trionfo del Tempo e del Disinganno di Händel e, con il basso Roberto Lorenzi, il duetto Rendez-moi donc le bien da Proserpine di Giovanni Paisiello.
Spetta invece a Eleonora Abbagnato in coppia con Giuseppe Schiavone omaggiare l’Apollo e Dafne di Bernini esibendosi in un passo a due creato appositamente per l’occasione sull’Apothéose tratta da Apollon Musagète di Igor’ Stravinskij. Completano il programma l’Ouverture da Hercules di HändelLe Chaos tratto da Les éléments di Jean-Féry Rebel e la Sinfonia “Al Santo Sepolcro” di Vivaldi (I Adagio).
Il programma potrebbe subire variazioni
...Leggi tuttoLeggi meno...