Contemporaneamente Roma
Contemporaneamente Roma
Nati con la camicia… di plastica
GRATUITO

Nati con la camicia… di plastica

Presentazione del libro di Antonio Ragusa che ha portato avanti un approfondito lavoro di ricerca su come l'organismo umano assorbe le plastiche già nel grembo materno. Dialoga con l'autore Bruno Maggi

30.10.2021 ORE 11:00 Biblioteca Sandro Onofri
Via Umberto Lilloni, 39/45

Informazioni

Tutto comincia su una spiaggia della Sardegna, una di quelle poche spiagge ancora incontaminate, lontane dai circuiti del turismo di massa. Quando, passeggiandovi in una nuvolosa giornata di aprile, Antonio Ragusa trova, mischiata alla sabbia fine, una miriade di minuscoli pezzettini di plastica, ha una sorta di conversione ecologica. Com’è possibile che siano arrivati fin lì, in un luogo così sperduto? Bisogna fare qualcosa, ripulire i mari, gli oceani, le coste. Quello che ancora Ragusa non sa e che scoprirà a breve è che la plastica ormai non si è limitata a invadere il mondo circostante, è arrivata fin dentro di noi, nel nostro corpo. Grazie a una ricerca scientifica condotta con il supporto dei suoi collaboratori, Ragusa ha infatti dimostrato che le microplastiche sono arrivate persino nel grembo materno. Le conseguenze della sua scoperta sono di ampia portata: la presenza della plastica nel corpo umano potrebbe alterarne i meccanismi immunitari e modificare il modo in cui l’organismo gestisce il metabolismo dei grassi. Un mondo privo di plastica, tuttavia, non è più possibile. Quello che possiamo fare, tutti, è cercare di minimizzarne l’impatto, esercitare la nostra consapevolezza e prenderci cura del nostro pianeta, proteggendolo da noi stessi.

Antonio Ragusa, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Fatebenefratelli – Isola Tiberina, presenta il frutto di un approfondito lavoro di ricerca svolto assieme ai suoi collaboratori: Nati con la camicia… di plastica. Come il nostro organismo assorbe le microplastiche già nel grembo materno.

Dialoga con l’autore, Bruno Maggi Responsabile della Biblioteca Sandro Onofri

Il programma potrebbe subire variazioni

...Leggi tuttoLeggi meno...