Estate Romana
Estate Romana
Parallel lines
GRATUITO

Parallel lines

Mostra fotografica di Luigi Filetici sullo sviluppo del sistema metro-ferroviario e sulla rigenerazione urbana delle aree ferroviarie dismesse della Capitale

06.09.2021 ─
23.09.2021
Mattatoio
Piazza Orazio Giustiniani, 4

Informazioni

Il lavoro prende spunto dal Verbale d’Intesa firmato da Roma Capitale, FS Sistemi Urbani e Rete Ferroviaria Italiana, società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, che ha come obiettivo lo sviluppo del sistema metro-ferroviario e la rigenerazione urbana delle aree ferroviarie dismesse della Capitale.

Documentazione della città e del paesaggio, una ricerca visiva per analizzare il territorio in trasformazione, una serie di fotografie e video narrano, in una visione d’insieme, le architetture contemporanee e quelle del passato. La ricerca è un valido strumento nella fase di pianificazione e progettazione di questi luoghi che, dopo la trasformazione, non saranno più visibili. Il tema di coniugare lo sviluppo urbano con il sistema di trasporto è di vitale importanza ed è uno degli obiettivi della programmazione urbanistica di Roma.

Le aree oggetto della ricerca coprono gran parte del territorio della città, dall’area della stazione Tiburtina a quella di Tuscolana, dalla stazione Trastevere a Ostiense, da nord a sud come una sorta di scansione dello stato di fatto. Partendo dalle opere del Canaletto e del Piranesi, che illustravano le magnificenze di Roma, nel passato campagne fotografiche autoriali sono state utilizzate per raccontare molte importanti trasformazioni del territorio; il paesaggio urbano è ormai un elemento imprescindibile della nostra storia e deve essere rappresentato visivamente ed interpretato artisticamente.

Luigi Filetici, architetto, è stato docente all’Università “La Sapienza” di Roma, al Politecnico di Milano e all’Istituto Europeo di Design. Nel 2020 ha vinto il premio Bruno Zevi dell’Istituto Nazionale di Architettura. Tra i progetti principali MOCKBAXXI, esposta alla Triennale di Milano e allo Schusev Museum di Mosca, e “I Mercati di Traiano”, commissionato dal Comune di Roma e dal Ministero degli Affari Esteri. Utilizza il mezzo fotografico per interpretare ed amplificare il significato dell’architettura. La sua ricerca artistica sulla comunicazione dell’architettura, sulle trasformazioni urbane ed il paesaggio, lo conduce a realizzare lezioni, pubblicazioni e mostre in tutto il mondo.

Il programma potrebbe subire variazioni

...Leggi tuttoLeggi meno...