Estate Romana
Estate Romana
Re – creatures
GRATUITO

Re – creatures

Ricco programma di video, installazioni e performance live per i mesi estivi

24.06.2021 ─
22.08.2021
Mattatoio
Piazza Orazio Giustiniani, 4

Informazioni

Attraverso una programmazione di video, installazioni e performance live, RE-CREATURES a cura di Ilaria Mancia racchiude una riflessione inedita sulla fondamentale ambiguità che caratterizza il rapporto tra umano e naturale. Le architetture del Mattatoio – che non celano il proprio passato sanguinoso – disegnano il luogo ideale per un simbolico ritorno, un’inaspettata sottile invasione. Queste creature chimeriche, che abitano il confine perturbante tra domestico e selvatico, invitano il pubblico a ripensare la propria relazione con l’ambiente, tracciando le coordinate di un nuovo possibile ecosistema, che solo lo spazio “aperto” dell’arte può rendere possibile immaginare.

Gli spazi de la Pelanda sono abitati da tre installazioni video.

Nel foyer 2 Human Mask di Pierre Huyghe prende le mosse da una storia vera: mostrando come, successivamente al disastro ambientale di Fukushima, in un ristorante vuoto una scimmia, che indossa una maschera dal volto di donna del teatro Noh, continui a svolgere le mansioni di servizio a cui è stata addestrata, in un processo di progressiva alienazione che ben riverbera quella umana.

Nella Galleria delle Vasche The Odds (part 1) di Revital Cohen e Tuur Van Balen riunisce in un grande schermo a LED cavalli da corsa anestetizzati, showgirls in un casinò di Macao e la performance anarcho punk di Steve Ignorant, sovrapponendo al filmato il baluginare di luci pulsanti, che si ispirano alle tecniche di persuasione visiva di Las Vegas.

Nel foyer 3 Valentina Furian presenta Ciacco, opera video selezionata vincitrice dell’avviso pubblico Cantica 21 e frutto del progetto di residenze di ricerca e produzione artistica del Mattatoio Prender-si cura. Partendo dalla figura del goloso dantesco, l’artista indaga le tematiche dell’animalità, dell’istinto e dell’addomesticamento, sia come forma di dominio, che come estremo adattamento alle dinamiche sociali.

La programmazione live vede protagonisti Lorenzo Senni, musicista poliedrico che mette in pratica una straordinaria decostruzione del suono e della cultura rave, Kate McIntosh che immerge il pubblico in un denso spazio d’ascolto e unisce alla stratificazione di immagini e parlato i battiti poliritmici e l’energia grezza di voci e testi, Jacopo Benassi e la dj e producer Lady Maru.

Il 27 luglio alle 21.30 il Palco centrale ospiterà Nada, accompagnata dal chitarrista Andrea Mucciarelli. Lo spettacolo comprenderà brani come Il porto di Livorno, la popolare Ma che freddo fa, grandi successi come Amore disperato, fino alle canzoni di oggi in cui oltre ad essere interprete Nada è anche autrice di musica e parole: Guardami negli occhi, Luna in Piena e Senza un perché, colonna sonora di The Young Pope.

Il 28 luglio alle 19.30 Emanuele Coccia, partendo dal video The Human Mask di Pierre Huyghe, proiettato negli spazi della Pelanda – discuterà di come l’arte contemporanea stia tracciando nuove e più complesse relazioni tra le specie viventi.

Alle 21.00, Giulia Crispiani e Golrokh Nafisi presenteranno la performance The City We Imagine, concepita come uno sguardo sulla città come spazio dell’immaginazione, come luogo che prende forma nella somma dei ricordi e delle distanze percorse.

A seguire, alle 22.00 il duo Raia | Fiorito (Antonio Raia e Renato Fiorito) si esibirà in Volatile, un set fatto di sonorità provenienti da città invisibili e paesaggi intimi, un viaggio sonico da vivere con e attraverso il corpo.

Il 29 luglio alle 19.30 Giovanni Attili in dialogo con Emanuele Coccia, parlerà del caso di Civita di Bagnoregio, come luogo del tempo circolare, in cui la morte prelude ad una periodica trasformazione dell’esistente.

La serata sarà, invece, dedicata ai più piccoli. Dalle 21.30 Agrupación Señor Serrano proporrà una rilettura del mito di Prometeo – primo capitolo del progetto Olympus Kids – in uno spettacolo coinvolgente, anche grazie all’uso di modelli in scala, figure in miniatura, videocamere live e risorse online.

Il 30 luglio alle 22.00 il live set di Lorenzo Senni concluderà il ciclo delle apparizioni. Musicista poliedrico che mette in pratica una straordinaria decostruzione del suono e della cultura rave, Senni ha pubblicato nella primavera 2020 il suo album di debutto su Warp Scacco Matto ed è stati incoronato da Pitchfork come “Grandmaster of Unresolved Tension”.

La popolazione animale Intrude, di Amanda Parer, e l’opera things that make the heart beat faster di Tim Etchells sono visibili negli spazi esterni del Mattatoio fino al 6 agosto.

Eventi e laboratori a ingresso gratuito con prenotazione su www.mattatoioroma.it.

Il programma potrebbe subire variazioni

...Leggi tuttoLeggi meno...