Scolpire il canto delle Muse. Su un eccezionale ritratto di Omero
GRATUITO

Scolpire il canto delle Muse. Su un eccezionale ritratto di Omero

Il più antico ritratto conosciuto di Omero conservato al Museo Barracco. Incontro a cura di Anna Maria Rossetti

Nell'ambito di aMICi


Informazioni

Una straordinaria figura, nella quale i Greci del V secolo a. C. rappresentarono le fattezze immaginarie del loro mitico cantore, ma anche le sue facoltà e la sua ispirazione e lo eressero a simbolo.
Il Museo Barracco conserva un busto marmoreo, che rappresenta un tipo ritrattistico di Omero.
Esso è meritevole di essere conosciuto e compreso, non solo perché poco noto al grande pubblico, ma soprattutto per essere il più antico ritratto del poeta, di cui si abbia notizia, creazione della prima metà V secolo a. C., (mentre il ben più celebre ritratto del poeta risale ad età ellenistica).
Ogni particolare del suo volto, ogni dettaglio della sua acconciatura, ogni impercettibile movimento del capo sono densi di contenuti.
In questa effigie si coglie quanto i Greci del V secolo a. C. sentirono e trasfusero nell’immagine del loro mitico cantore.

Incontro a cura di Anna Maria Rossetti


Il programma potrebbe subire variazioni

...Leggi tuttoLeggi meno...