EUREKA
Sound Corner / 60 – Cristian Rizzuti
GRATUITO

Sound Corner / 60 - Cristian Rizzuti

La docente Elena Giulia Rossi presenta La Linea Gustav, installazione multimediale incentrata su uno dei momenti cruciali della Seconda guerra mondiale in Italia

Nell'ambito di Auditorium Parco della Musica | Stagione 2021-2022


Informazioni

Elena Giulia Rossi presenta Cristian Rizzuti, La Linea Gustav, 2011, 12’

Primavera 1944, Seconda Guerra Mondiale, battaglia di Montecassino: l’arrivo degli Alleati e la speranza per la fine della guerra, segnano anche l’inizio di atroci barbarie, violenze, distruzione, questo il ‘bottino’ promesso agli Alleati in cambio del loro avanzamento sul fronte della Linea Gustav. Questa è la storia che scrive il film sonoro di Cristian Rizzuti, dodici minuti di ascolto che fanno vibrare ogni singola corda emotiva alla luce degli orrori vicini e lontani che la guerra compie, a volte anche la pace.

«Soldati! questa volta non è solo la libertà delle vostre terre che vi offro se vincerete questa battaglia. alle spalle del nemico vi sono donne, case, c’è un vino tra i migliori del mondo, c’è dell’oro. tutto ciò sarà vostro se vincerete […] Per cinquanta ore sarete i padroni assoluti di ciò che troverete al di là del nemico. Nessuno vi punirà per ciò che farete, nessuno vi chiederà conto di ciò che prenderete».

Questo il messaggio estratto da un presunto volantino di propaganda che ha funzionato da  scintilla al terribile episodio, conosciuto come ‘le marocchinate’; per anni occultato dalla storia ufficiale, è riemerso attraverso la letteratura con La Ciociara di Moravia (1957), ripreso poi da altri film e documentari ora reperibili anche in rete. La combinazione di suoni reali, estrapolati dai film e ricavati dalla traduzione del messaggio in codice Morse, riscrive la storia nelle sue fasi emotive, dalla calma che precede gli eventi, a quella che li segue con la perdita della memoria a chiudere un ciclo destinato a ripetersi.

La conoscenza e sensibilità tecnica di Cristian Rizzuti, conosciuto per le sue installazioni interattive di suono e luce, i suoi ambienti immersivi e le sue interfacce sensibili, è radicata in una ricerca importante sull’uomo, sulle dinamiche percettive, sulla storia, su tutto ciò che di invisibile lo circonda e lo rende materia e carne. Questo lavoro appartiene alla sua primissima fase di ricerca, quella che lo ha strutturato come persona e come artista per come è oggi, quando riemerge nella necessità di ritrovare la memoria e, nell’urgenza di essere ‘ascoltato’.

Cristian Rizzuti è un artista multimediale, docente e Physical Computing Expert presso lo IAAC (Institute for Advanced Architecture of Catalonia).

Elena Giulia Rossi è docente di Teorie delle Arti Multimediali presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. I suoi interessi l’hanno condotta in ambiti trasversali e transdisciplinari, al crocevia tra biologia, tecnologia e scienza.

Il programma potrebbe subire variazioni

...Leggi tuttoLeggi meno...