ESTATE ROMANA
ESTATE ROMANA
Un nuovo scenario: Roma 1915-1918
GRATUITOONLINE

Un nuovo scenario: Roma 1915-1918

Conferenza on line sulla piattaforma Google Suite a cura di Nicoletta Cardano

Nell'ambito di Per i tuoi 150 anni. Conferenze su Roma Capitale (1870-1915)

11.01.2022 ORE 17:30

Informazioni

Come si svolge la vita della città di Roma tra il 1915 e il 1918? Quali le risonanze della guerra e quale il ruolo assunto dalla Capitale? In che modo la città, lontana dal fronte, vive e reagisce in una situazione in cui la guerra è una realtà insieme  lontana e vicina? Una situazione di calma, di atonia sembra cadenzare lo svolgersi degli eventi dopo l’eccezionalità delle “radiose giornate” del maggio del 1915 che portarono alla dichiarazione della guerra.
Non a caso Roma sarà definita  “la città dove si vive meglio che in ogni altra parte del mondo belligerante” in un articolo de “Il Fronte interno” del 3 gennaio 1918.
Come in un puzzle assai complicato e di difficile ricomposizione saranno poste in evidenza alcune tessere, mettendo in luce alcuni esempi delle trasformazioni dello scenario urbano in relazione al conflitto, focalizzandosi in particolare sugli eventi e le sperimentazioni artistiche: dall’attività dei futuristi, alle esposizioni delle Secessioni Romane, alla presenza dei russi e alle novità dei Balletti russi, fino ad arrivare al nuovo scenario, di respiro internazionale, della rivista “Valori Plastici”, il cui primo numero uscirà all’indomani della fine del conflitto.

Nicoletta Cardano, curatore storico dell’arte presso la Sovrintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale (1979-2021), ha diretto tra l’altro le attività dell’Acquario Romano (1993-2003). Tra il 1981 e il 2007 ha svolto attività relative alla cura e la salvaguardia dei beni storico artistici e monumentali di proprietà di Roma Capitale, coordinando sotto il profilo tecnico scientifico numerosi interventi di restauro. Dal 2007 al 2021 è stata responsabile del coordinamento scientifico del Catalogo Unico e dell’attività didattica di Sovrintendenza.
Ha insegnato Storia delle arti decorative e industriali, e Storia e teoria del Design presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Roma La Sapienza (2001-2011; 2017-2019)
I suoi studi riguardano principalmente aspetti dell’arte italiana fra la fine dell’800 e gli anni ‘60 del ‘900. Si è interessata in particolare di scultura, anche contemporanea e di temi legati alle arti decorative e industriali e al design. Ha curato tra l’altro il catalogo generale delle opere di Pietro Canonica (1986), ha condotto studi e curato esposizioni su Publio Morbiducci, sulla scultura celebrativa tra fine Ottocento e i primi decenni del Novecento (Il Vittoriano; monumenti ai caduti tra le due guerre) e sulla scultura funeraria di Otto e Novecento. Ha condotto studi sull’arte del Novecento (Metafisica, de Chirico e Savinio). Membro del comitato scientifico dell’Archivio Alberto Savinio, cura il catalogo delle opere dell’artista.


Il programma potrebbe subire variazioni

...Leggi tuttoLeggi meno...