ESTATE ROMANA
ESTATE ROMANA
Summer show 2022 – Il giardino libernautico
GRATUITO

Summer show 2022 - Il giardino libernautico

Mostra, incontri e visite guidate

14.06.2022 ─
30.09.2022
Fondazione Baruchello
Via del Vascello, 35

Informazioni

La mostra “Il giardino libernautico” Summer Show 2022 (sesta edizione), curata da Elena Bellantoni, in collaborazione con i due giovani curatori Benedetta Monti e Niccolò Giacomazzi, è un progetto collettivo che si svilupperà intorno a questioni che è sempre più urgente considerare: il rapporto con la natura, il paesaggio e la cura come azione responsabile nei confronti dell’ecosistema.
Il progetto parte dal confronto diretto con la Fondazione Baruchello, e in particolare con il progetto Agricola Cornelia S.p.A. che impegnò Baruchello dal 1973 al 1981. In particolare guarda al libro di Baruchello Io sono un Albero, nel quale si racconta la lunga esperienza dell’artista nei confronti della natura da sempre intesa come una situazione complessa in grado di mettere in discussione comportamenti, costruzioni identitarie e rapporti di subordinazione tra diverse specie del vivente.
L’idea di Elena Bellantoni propone quindi il tentativo di ripensare l’arte a partire da ciò che non è, ovvero cercando di mettere in atto un punto di vista differente da quello che ci porta abitualmente a considerare e definire cosa sia l’arte. In particolare, ad esempio, attraverso l’osservazione del giardino, intrecciando microcosmi naturalistici di diversa formazione e provenienza, dall’insetto alla foglia, a un organismo complesso come un albero, o sperimentando nuove forme di convivenza tra specie differenti, animali, vegetali e minerali, è possibile fare esercizio di una prospettiva critica e nel contempo espansa nei confronti di tali questioni.
Il progetto prende spunto da una delle più famose frasi del Candide di Voltaire: “Il faut cultiver notre jardin” (Bisogna prendersi cura del proprio giardino) pronunciata dal protagonista alla fine di una lunga serie di peripezie e sventure. Generalmente interpretata come un invito a prendersi cura della parte più intima del proprio essere e a ritrovare il piacere delle cose quotidiane, semplici, vicine a noi, in questo contesto la frase si indirizza in maniera concreta alla possibilità di curare un proprio giardino, che sia questo fisico, mentale, immaginario, virtuale.
Gli artisti invitatati (John Cascone, Jacopo Natoli, Sara Basta, Grossi Maglioni) si confronteranno in una fase preparatoria della mostra, tra aprile e maggio, con il giardino, il bosco e gli spazi esterni della Fondazione Baruchello in via di Santa Cornelia in diversi appuntamenti, confrontando idee, ipotesi, sollecitazioni. In seguito a questi incontri gli artisti restituiranno gli esiti della loro ricerca, con la produzione di opere inedite che potranno utilizzare diversi media artistici, e che verranno esposte nella sede della Fondazione in via del Vascello 35.
In occasione della mostra verranno organizzati incontri e visite guidate

Il progetto è vincitore dell’Avviso Pubblico Estate Romana 2020-2021-2022

Il programma potrebbe subire variazioni

 

...Leggi tuttoLeggi meno...