Contemporaneamente Roma
Contemporaneamente Roma
Roma Visiva | Ritratti Romani: lo sguardo fotosensibile di Ghitta Carell

Roma Visiva | Ritratti Romani: lo sguardo fotosensibile di Ghitta Carell

Il focus di Lidia Giusto sulla fotografa Ghitta Carell, punto di riferimento nella scena romana dal 1920 al 1950, in un'epoca in cui la scena fotografica, e non solo, era dominata dagli uomini


Tra gli anni Venti e Trenta del Novecento, la fotografa Ghitta Carell è diventata un punto di riferimento nella scena romana. Ritratti Romani: lo sguardo fotosensibile di Ghitta Carell è il focus, a cura di Lidia Giusto, dedicato al suo percorso, a Roma Visiva, a partire dall’apertura del suo studio fotografico in piazza del Popolo. Fortemente determinata, la fotografa segue il suo sogno artistico e riesce a realizzarlo, affermandosi in un ambito all’epoca considerato maschile. Il Fondo Ghitta Carell, nell’Archivio Storico Fotografico della Fondazione 3M, a Milano, contiene 15 lastre originali e 2806 stampe, che documentano l’attività della fotografa dal 1920 al 1950.

Altri interventi di Roma Visiva 2021
Agnese De Donato. Da libraria a fotografa nella Roma degli anni ’60 e ’70 di Greta Boldorini
La pandemia ombra e gli Esquilini possibili di Sophie Chiarello
Mater Asilo di Maria Crispal
È Street art: arte da uomini? di Livia Fabiani
Women Visual Artist Database di Laura VdB Facchini
Elisa Magri: artista, gallerista e scrittrice di Elisa Francesconi
Topazia Alliata, una donna del Novecento, un’artista eclettica di Silvia Lamia, Maria Luisa Maricchiolo e Chiara Pasanisi
Presentazione del libro Wissen.sapere di Cornelia Mittendorfer
Mujeres argentinas (si) raccontano – Artiste dietro le quinte di Marina Rivera
Gabriella Romano: sguardi e parole di donne di NOIDONNE